Ricerca
 
 
 
 
 
 

 
Dettaglio articolo
Un po' di Storia Locale

Cenni storici

L'origine del Paese può farsi risalire alla fine del XIII secolo, periodo in cui Anna de Bruveriis fece edificare Carife e San Nicola ai piedi di Trevico in difesa del suo feudo. Perciò si può sicuramente affermare che San Nicola originariamente era situato alle falde di Trevico in prossimità di Carife e precisamente in località Padula ed il paese era conosciuto con il nome di San Nicola ad Salices. Un insediamento dell'età del Ferro (IX-VIII sec. a.C.), che ha restituito numerose tombe a fossa con ricchi arredi funerari, è stato scoperto nei pressi dell'ambulatorio locale. È la testimonianza più antica della frequentazione da parte di piccoli gruppi stabili nella zona. I reperti di età sannitica (IV - III sec. a.C.) e successivamente romana sono concentrati soprattutto in località Acqua dei Salici, dove sorgeva con molta probabilità un villaggio, sul cui perimetro fu impiantata, in epoca imperiale, una grande villa rustica. Nel 1122 a possedere questo casale era Riccardo Guarino del Formari, al quale seguirono i discendenti di Riccardo II che tennero la signoria sino al 1266 anno della venuta del Regno di Carlo D'Angiò.
Da costui il borgo venne concesso a Provenzale de Bruveriis, al quale subentrarono successivamente Ada De Bruveriis, Giovanni e Ugo Scotti; quest'ultimo morì senza lasciare nessun erede per la riscossione delle rendite del feudo. Nel 1343 il comune fu affidato provvisoriamente a Marco Aiossa. La moglie di Roberto D'Angiò lo vendette al Conte Raimondo Del Balzo, in seguito si avvicendarono molti feudatari, fino al 1806 quando ci fu l'abolizione dei diritti feudali. I moti carbonari del 1820, che coinvolsero in pieno l’ Irpinia, videro schierati in prima fila molti cittadini di San Nicola, alcuni dei quali, dopo essere stati processati, furono condannati a durissime pene detentive. In seguito molti eventi calamitosi, in particolare terremoti lo distrussero completamente e convinsero i superstiti a ricostruire il paese in zona più stabile. Fu scelta la collina chiamata Difesa, alle falde della quale venne riedificato in posizione ottimale ed esposto a mezzogiorno, in prossimità di un ruscello, denominato Vallone San Nicola e, per questa vicinanza al ruscello, il nuovo paese venne chiamato San Nicola ad Ripas. Gli eventi sismici susseguitesi hanno indotto ancora una volta i Sannicolesi a cambiare la geografia del loro territorio spostandosi più a monte in cerca di suoli edificatori più consistenti, fermandosi più o meno nella zona attuale.
 
Etimologia (origine del nome)
Il nome è ispirato e riflette il culto di San Nicola. La specifica "Baronia" si riferisce all'appartenenza del luogo come "baronia" ai suoi antichi signori.
 
Comuni Confinanti
Carife, Castel Baronia, Flumeri, San Sossio Baronia, Trevico
 
Il Comune di San Nicola Baronia fa parte di:
- Comunità Montana Zona dell'Ufita
- Regione Agraria n. 3 - Alto Calaggio e Alto Ofanto
 
 


 
 Comune di San Nicola Baronia - Via Vittorio Veneto 21 - 83050 - San Nicola Baronia (AV) - ITALIA
 Tel: +39 082792034 - Fax: +39 082792034 - Email: info@comune.san-nicola-baronia.av.it - P.IVA: 00722650645
CMS-solution powered by CyberNET